Marta e Harvey

studio

Oscar De Summa/Marina Occhionero

Sabato 5 giugno ore 15.30

Teatro La Casa del Popolo – Via Matteotti, 150 Castello d’Argile Bo

Domenica 6 giugno ore 16

Teatro La Casa del Popolo – Via Matteotti, 150 Castello d’Argile Bo

di Oscar De Summa
con Marina Occhionero
progetto luci Matteo Gozzi
scene Oscar De Summa e Matteo Gozzi
arrangiamento musicale Oscar De Summa
produzione Teatro della Tosse
collaborazione alla produzione Agorà

35′

Marina e Oscar

Una donna anziana e sola, all’interno di un condominio, una ragazza e la sua chitarra rock fanno ciò che nessuna delle due avrebbe mai potuto prevedere: le due donne si riconoscono.

Una storia semplice di quelle che normalmente abbiamo sotto gli occhi e forse nemmeno ce ne accorgiamo. Piccole tragedie personali, inserite, incastrate, in strutture sociali molto più grandi. Decisioni prese altrove che cambiano, non solo, il corso delle grandi cose ma anche le nostre piccole vite, piccole decisioni, piccoli misfatti.

Un vecchio proverbio sudamericano diceva, proprio tenendo conto di quanto, indipendentemente dall’età, sia dura la lotta: sii gentile con te stesso, e poi sii gentile con te stesso e poi sii gentile con te stesso.
Oscar De Summa

Per prenotare scrivere a

info@epicafestival.it

oppure al 3338839450 (anche sms o WhatsApp)

Oscar De Summa Formatosi alla scuola di teatro del Laboratorio 9 con Barbara Nativi, si specializza con 2 corsi di « Alta formazione per attori » di Polverigi e di Milano(ricordiamo tra gli altri insegnanti Marco Martinelli, Adriana Borriello, Mohamed Driss, Laura Curino, Gabriele Vacis, Thierry Salmon). Frequenta vari stage di Claudio Morganti, Alfonso Santagata prima e di commedia dell’arte con Antonio Fava dopo. Da subito affianca al lavoro di attore presso diverse compagnie (ricordiamo “La scena del consiglio” di Claudio Morganti e Renata Molinari; “L’ora di tutti” di Maria Corti regia Pamela Villoresi; “Satelits Obscens” Fura del Baus; “ Miles Gloriosus” di Plauto regia Marinella Anaclerio; “Mercante di Venezia” con la regia di Massimiliano Civica , premio Ubu 2009 per la regia, “premio Vittorio Mezzogiorno” agli attori ) con quello di autore e regista ( “Diario di Provincia”; “Hic Sunt Leones”; Riccardo III; Selfportrait”, pubblicato dalla Minimun fax nella raccolta “Senza corpo. Voci della nuova scena italiana” a cura di Debora Pietrobono). Negli ultimi anni ha sviluppato il suo percorso in 2 diverse direzioni; il progetto “contemporaneamente Shakespeare” che prevede la messinscena di opere del bardo per una fruizione popolare e di ricerca, ricordiamo “ Riccardo III” “Amleto a pranzo e a cena”, “un Otello altro” , Riccardo III e le regine”. E dall’altro lato il lavoro di autore. Da segnalare la trilogia della provincia che ha ricevuto riconoscimenti nazionali di pubblico e di critica: “diario di provincia”, “stasera sono in vena” ( finalista premio ubu 2015, finalista premio rete critica, premio Cassino off); “la sorella di Gesucristo”. La trilogia ha ricevuto il premio rete critica 2016, il premio Anct Hystrio 2016 e il premio Mariangela Melato 2017. Attualmente lavora ad un ad nuova trilogia che rivisita gli archetipi delle tragedie greche nel contemporaneo. Ricordiamo “La Cerimonia” prodotta e distribuita dal Metastasio di Prato e “da Prometeo. Indomabile è la notte” produzione La Corte Ospitale, Metastasio e Arca Azzurra. E ha debuttato con un nuovo Monologo dal titolo “Soul Music – dal lato opposto”. Nell’ultimo anno, ha lavorato presso il Metastasio di Prato nel progetto GLA- gruppo di lavoro artistico. Un progetto di produzione spettacoli, radiodrammi e sceneggiati televisivi che si avvale di molte collaborazioni. Oltre alla propria direzione ha collaborato con Claudio Morganti, Roberto Latini, Massimiliano Civica, Armando Pirozzi.

Marina Occhionero nasce ad Asti nel 1993. Dopo il diploma al Liceo Classico Alfieri si trasferisce a Roma per studiare recitazione. Svolge i suoi studi presso l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico e il Conservatoire d’Art Dramatique di Parigi. Lavora in teatro diretta da Oscar de Summa negli spettacoli “Riccardo III”,  “La Cerimonia” e “Indomabile è la notte”, poi nella ripresa di “In Cerca d’autore” di Luca Ronconi presso il Piccolo Teatro di Milano e con Cristina Comencini in ”Tempi Nuovi”.  La prima esperienza con la telecamera è con “Fuori sede”, cortometraggio diretto da Sergio Rubini; subito dopo esordisce nel film “L’età imperfetta” di Ulisse Lendaro nel ruolo protagonista ed è nel cast del film “La ragazza nella nebbia” di Donato Carrisi al fianco di Toni Servillo e Jean Reno. Partecipa ai film “Il primo Re” di Matteo Rovere, “In viaggio con Adele” di Alessandro Capitani e “Genitori Quasi Perfetti” di Laura Chiossone.  Comincia a collaborare con Emilia Romagna Teatro negli gli spettacoli “Lettere a Nour” di Giorgio Sangati, “Per il tuo bene” di Pier Lorenzo Pisano e nel 2020 con Wet Market insieme alla compagnia permanente di Ert. E’ vincitrice del Premio Reiter 2019 alla migliore giovane attrice e del Premio Ubu 2019 alla miglior attrice under 35.